Psicologo e analista junghiano a Barcellona e online.

Psicoterapia

Cosa si intende per disturbo psicologico grave o cronico?

Quando una persona è stata in trattamento psicologico o psichiatrico per anni, o ha provato tutti i tipi di terapie, o è pesantemente medicalizzata, e con un alto livello di sofferenza emotiva o psicologica, o con un alto livello di incapacità di condurre una vita più o meno normale, possiamo dire che stiamo parlando di un disturbo psicologico grave o cronico.

Ma dobbiamo distinguere tra due tipi: quelli che sono già diventati strutturali, come nel caso di molte schizofrenie, e quelli che non possono essere necessariamente spiegati da questioni causali, per esempio le depressioni maggiori prolungate nel tempo.

Nel primo caso si può sempre fare qualcosa ma, onestamente, l’intervento è complesso ed è molto difficile garantire i risultati, ma quando non si tratta dello spettro psicotico nei suoi stati più estremi o acuti, nel resto dei problemi è possibile, in alcuni casi, fare interventi che possono essere positivi nella vita del paziente, soprattutto se il paziente è giovane.

A volte gli elementi sottostanti non sono ancora stati scoperti, oppure non sono stati stabiliti legami sufficientemente forti con il paziente per consentirgli di avere un punto d’appoggio da cui partire per migliorare.

Il punto è che a volte si è prestata più attenzione alla diagnosi, all’etichetta, che alla persona, e il paziente può sentirsi impotente perché non si è veramente “connesso” con lui o lei fino a raggiungere la chiave che crea il punto di svolta nel problema.

La mia esperienza con pazienti nazionali e internazionali di diversi livelli di gravità mi permette di determinare, relativamente presto, le possibilità che io, come psicologo, ho di aiutare la persona che mi consulta.

Pertanto, senza alcun impegno, la cosa migliore da fare è chiedere informazioni sul caso e sulle possibilità di superare il problema.

Modalità di terapia.

La terapia che applico è un modello integrativo tra analitico (approfondimento della storia e della psiche del paziente) ed esperienziale (che porta a un reale cambiamento di vita), cioè la prima e fondamentale cosa è conoscere la vera personalità del paziente e le circostanze vissute per iniziare a lavorare con l’intento di slegare quegli elementi negativi che lo opprimono e di sviluppare quelli positivi che sono latenti ma non sono stati attivati.

Le terapie hanno una durata media compresa tra sei mesi e due anni, con una frequenza settimanale o quindicinale.

Comparte

Volete ricevere gli ultimi post nella vostra casella di posta?

Se volete ricevere le mie pubblicazioni nella vostra casella di posta elettronica, iscrivetevi alla newsletter e ve lo comunicheremo direttamente.