Psicologo e analista junghiano a Barcellona e online.

25 Maggio, 2022

Tom Cruise, la resilienza e la normalità

Tom Cruise è uno degli ultimi attori, star di Hollywood, che si avvicinano al cinema come uno spettacolo. I suoi film possono essere più o meno commerciali, Top Gun, Collateral, Mission Impossible 1, 2,… ma c’è una cosa che è sempre garantita: ti immerge completamente in essi e la qualità, come minimo, è notevole.

Detto questo, non credo che ci sia un attore che sia stato più attaccato dai media, dai social network, hanno fatto biografie devastanti su di lui. In breve, ciò che viene messo in discussione è il suo orientamento sessuale, indicando una possibile e chiara omosessualità, la sua appartenenza a Scientology, per alcuni una religione tra le tante che esistono negli Stati Uniti, per altri una setta pericolosa, i possibili contratti di matrimonio con attrici secondarie che hanno finito per diventare famose, il suo cattivo carattere, maniacale e tirannico sul set a causa di un desiderio di perfezionismo e di esigenze, e così via.
E tutto questo è probabilmente vero. Oppure no, ma i rapporti in tal senso sono numerosi.

Il punto è che Tom Cruise, al di là di ciò che può riguardarlo personalmente, per il quale deve essersi allenato notevolmente, cioè per diventare duro in queste battaglie, non si è allontanato di una virgola dal suo obiettivo.
Lui, più di chiunque altro, rappresenta la resilienza, la capacità di trarre vantaggio e di imparare dalle circostanze negative e di rimanere fermo di fronte a tutto ciò che viene detto su di lui, che sia vero o meno.

Perché qualcuno crede che potrebbe essere l’attore che è, con quella proiezione internazionale, se tutto ciò fosse vero e lo dicesse apertamente? O cosa succederebbe se ciò accadesse a qualche famoso giocatore di calcio?
Qual è il gioco del gatto e del topo? Distruggerlo pubblicamente per la soddisfazione di chi?
Di coloro che odiano la sua tenacia, perseveranza, forza, ambizione, creatività, determinazione, coraggio, eccetera? Non vive nella menzogna; se ne ha creata una, è esclusivamente uno schermo per proteggere ciò che ha deciso di diventare: uno dei grandi artisti del cinema, nel suo senso più classico.

Se sfoglia le biografie, insisto sempre sull’argomento, si renderà conto che la maggior parte delle persone, uomini e donne, che hanno compiuto o prodotto atti o opere significative nel corso della storia, escono dal branco:
coppia-casa-bambini-giardino-cane-piscina-barbecue-gioco televisivo.

Tendono ad avere vite complesse, sessualità complesse, contraddizioni, conflitti interni, arbitrarietà, amanti, dubbi esistenziali, ricchezza o povertà, strane dipendenze, infatuazioni compulsive e così via.
E questo perché se sta già bene con tutto ciò che la circonda, perché inizierà a scolpire il David, a dipingere Il giardino delle delizie o a comporre L’anello dei Nibelunghi?
Rimane a casa con il suo partner, mangia tutto quello che può, lavora a quello che le viene dato, fa sesso quando può e ride o si diverte con i suoi amici.

Ma finché c’è una certa agitazione emotiva, esigenze creative, aneliti personali, ecc. e non si nasce per essere mistici, ci sarà chi creerà un personaggio di gradimento per tutti con l’intenzione di mascherarsi, come il branco sopra citato, e continuerà a fare ciò che gli interessa veramente.

Dovremmo chiederci, ognuno di noi, se impariamo meglio da coloro che si muovono nella routine più assoluta e prevedibile o da quelle persone coraggiose e resilienti che, anche se ci ingannano per la nostra tranquillità, hanno il coraggio di essere e fare ciò che si sono prefissate.

Mi è sempre piaciuto Tom Cruise, è complesso ma brillante, e una certa luce emerge da lui quando appare sullo schermo, e molto più di tutti quegli attori coscienziosi che fanno gesti di solidarietà e fanno discorsi in modo pedagogico e insopportabile per poi andare a qualche festa a sniffare qualche sostanza o altro, cosa che sono abbastanza sicura, dato il suo tipo di personalità, che Cruise non fa.

Quelli di noi che non sono così complessi e hanno vite più semplici, anche se non necessariamente semplici, dovrebbero essere un po’ più umili nel giudicare gli altri, perché questi altri, oltre a fare ciò che fanno per la nostra gioia, devono diventare persone di apparente formalità per non scuotere i nostri schemi.

E che dire, preferirei avere un Churchill fumatore di sigari, depresso, bevitore di champagne, goloso e contraddittorio, piuttosto che un vegetariano, amante dei cani, meticoloso e a dieta come Hitler.

Attenzione alle persone molto rette e normative, sotto il tappeto possono nascondere dei cadaveri.

***

E questa potrebbe essere la fine di questo articolo, ma diamo una svolta.

Apparentemente ci piace credere che le cose stiano così, ma si scopre che, quando incontriamo qualcuno, personalmente o attraverso le sue apparizioni al cinema, in televisione o nei media, iniziamo a sapere più cose su di lui rispetto ai dati oggettivi che abbiamo, o anche sulla “persona” (la maschera in termini junghiani) che ci viene presentata.
E quei dati che la nostra psiche cattura, attraverso il linguaggio del corpo, l’intuizione o l’osservazione inconscia, ci offrono una realtà più completa di quella che ci dà la ragione.
Ed è su questa base che proviamo simpatia, indifferenza o antipatia per qualcuno.
La simpatia è dovuta all’empatia, al fatto che ci leghiamo a qualche aspetto, anche se non lo condividiamo necessariamente.
L’antipatia è dovuta al fatto che rappresenta qualcosa che per qualche motivo rifiutiamo, o perché è latente dentro di noi e lo evitiamo, o perché ciò che rileviamo si collega a una circostanza che abbiamo vissuto o a una persona che ci è stata sgradita.

Se vogliamo avere qualche informazione in più su chi siamo, guardiamo i personaggi pubblici che non ci piacciono, cerchiamo di scoprire il perché e troveremo delle risposte molto interessanti su noi stessi.

Damián Ruiz
Perpignan, 24 maggio, 2022
www.damianruiz.eu

Comparte

Volete ricevere gli ultimi post nella vostra casella di posta?

Se volete ricevere le mie pubblicazioni nella vostra casella di posta elettronica, iscrivetevi alla newsletter e ve lo comunicheremo direttamente.